Guido De Angelis: “Diamo a Klose il giusto tributo. Impresa del Leicester? Mi ricorda a tratti la Lazio di Maestrelli…”

Guido Radio

Consueto editoriale della mattina del nostro direttore¬†Guido De Angelis¬†in apertura della trasmissione¬†‘Quelli che hanno portato il calcio a Roma’¬†in onda sulle frequenze di¬†Radiosei 98.100. Tema principale l’addio imminente alla Lazio di Miroslav Klose:¬†“Parliamo di Klose. Io sono dispiaciuto del fatto che nel giorno della celebrazione a Zurigo nessuno parli di questo straordinario giocatore. Spero che Lotito faccia dei prezzi stracciati contro la Fiorentina per far s√¨ che ci sia il degno saluto a questo campione. Abbiamo un giocatore che ha vinto tutto nella sua carriera e che √® tra le altre cose √® il miglior marcatore di sempre nella storia dei mondiali. So che c’√® anche una petizione online per trattenerlo a Roma, ma anche se non dovesse rimanere il tedesco spero sia salutato nel migliore dei modi. Non bistrattiamo Miro come la societ√† ha fatto per tante e tante volte.”¬†Poi sul Leicester e i paragoni con la Lazio del ’74:¬†“Sapevo che sarebbe andata a finire cos√¨. Piano per√≤ con i paragoni, perch√© Maestrelli era il leader di un gruppo pieno di gente folle e straordinaria miscelata in un’unica realt√†. Si potrebbe fare un leggero paragone, anche perch√© i colori sono simili. Quella Lazio non aveva i mezzi per competere con la Juventus di allora, ma grazie a Umberto Lenzini e Tommaso Maestrelli fu fatto un miracolo. Ranieri ha fatto un’impresa molto simile, anche se √® simpatizzante della Roma non √® un acceso tifoso giallorosso e antilaziale come qualcun altro. L’unico paragone che non si pu√≤ fare √® quello di Vardy con Chinaglia. Non scherziamo. Giorgio ha fatto 25 gol e difendeva la Lazio in citt√†. Il Leicester √® comunque una bella realt√†, come l’Empoli in provincia da noi. Mi ricorda un po’ l’Atletico Madrid, con tanto cuore e pressing ma anche tanta qualit√†. Da questo punto di vista la somiglianza con la Lazio del 1974 c’√®. ¬†Poi √® vero che all’appuntamento sono mancate big come Manchester United, Chelsea, Manchester City, Arsenal e Tottenham, ma il riconoscimento va fatto a questa bella realt√†. So che molti italiani hanno preso addirittura una settimana di ferie per andare a visitare questa cittadina che tra le altre cose vanta un bellissimo impianto di propriet√†. Noi qui a Roma come facciamo a presentarci ancora con l’Olimpico non lo so. Siamo indietro anni luce. A livello mediatico se ne parla tantissimo, cosa che non si √® fatto per quella meravigliosa Lazio. Noi con quegli undici matti guidati da Maestrelli avremmo potuto avere un milione di tifosi in pi√Ļ in giro per il mondo. Adesso la palla passa alla societ√† del Leicester: se i vari Vardy, Mahrez e compagnia bella vengono ceduti a qualche big inglese il giocattolo si romperebbe. Ranieri sono convinto possa mettere le radici l√¨. Io credo possa reggere botta anche in Champions League se riesce a mantenere in blocco la rosa di quest’anno. Deve essere bravo Ranieri a parlare con la societ√†: io se fossi Ranieri non mi muoverei e proverei a diventare il Ferguson del Leicester.”¬†Infine una curiosit√† sui tifosi laziali:¬†“C’√® una bella gigantografia stile Totti a San Giovanni, che ritrae Onazi con una frase antirazzista a Piazza San Calisto. Nessuno ne ha parlato, ma spero vivamente che i giornali e le tv gli diano la giusta visibilit√†. E’ giusto che in giro per il mondo la Lazio non sia famosa per i cori razzisti, ma viceversa abbia¬†una societ√† e una tifoseria moderna. Onore a chi ha preso questa iniziativa.”

Follow LAZIALITA on Social
0