MOVIOLA – Gara ricca di episodi per Rizzoli. Giusto il rigore per la Lazio, regolare il 2-1 della Sampdoria

Rizzoli

 

GENOVA – Gara controversa e ricca di episodi questo Sampdoria-Lazio per Nicola Rizzoli. Il fischietto bolognese, comunque, decide bene sui due episodi decisivi del match, ovvero il rigore per fallo di Dodo su Keita nel primo tempo e il 2-1 blucerchiato realizzato dopo una mischia nell’area piccola della Lazio.

 

PRIMO TEMPO – Al 22′ il primo giallo del match: Hoedt stoppa con le cattive Diakité che si era portato al limite dell’area dopo una perentoria discesa palla al piede. Decisione giusta. Al 32′ su un cross dalla sinistra Candreva va giù in area dopo un contatto con Cassani. L’esterno biancoceleste protesta vibrantemente ma Rizzoli non gli concede il rigore e lo ammonisce per qualche parola di troppo. Al 36′ Keita cade in area contrastato da Diakité: per Rizzoli non c’è il penalty ma soltanto l’ammonizione per simulazione per il senegalese. Al 43′ rigore per la Lazio: Dodo atterra irregolarmente Keita e il fischietto emiliano non può far altro che indicare il dischetto e ammonire il terzino ex Roma e Inter. I blucerchiati non protestano nemmeno, decisione sacrosanta.

 

SECONDO TEMPO – Al 55′ Konko entra in ritardo su Fernando: giallo ineccepibile.  Al 78′ la Sampdoria completa la rimonta e passa in vantaggio: su un cross dalla sinistra Silvestre colpisce di testa e Marchetti salva miracolosamente, ma la palla sbatte sulla traversa e rimane sulla linea prima di varcarla al termine di una mischia furibonda. La Gol-line Technology assiste Rizzoli nella decisione, ma non ci sono contatti irregolari nella circostanza. Dall’81’ al 94′ altri tre gialli somministrati da Rizzoli, due per la Lazio e uno per la Samp: sul taccuino del direttore di gara bolognese finiscono Gentiletti (entrataccia su Soriano), Mauricio (fallo di ostruzione su Correa lanciato in campo aperto) e Barreto (ammonito ingiustamente al posto dell’autore del fallo Skriniar che atterra irregolarmente Keita proprio al limite dell’area).

Follow LAZIALITA on Social
0