Mercato, cala il sipario: Bisevac unico colpo, i giovani vanno a Salerno. E a giugno arriva Vargic

Claudio Lotito, presidente della SS Lazio, on Tare..Roma, 15/01/2012 Stadio Olimpico.Football Calcio 2011/2012 .Lazio vs Atalanta.Campionato di calcio Serie A.Foto Insidefoto Antonietta Baldassarre

Claudio Lotito, presidente della SS Lazio, on Tare..Roma, 15/01/2012 Stadio Olimpico.Football Calcio 2011/2012 .Lazio vs Atalanta.Campionato di calcio Serie A.Foto Insidefoto Antonietta Baldassarre

ROMA – Oikonomidis, Prce, Tounkara, Ronaldo (acquistato dall’Empoli) dalla Lazio alla Salernitana, Minala dal Latina al Bari (in prestito), Bisevac (in scadenza) dal Lione alla Lazio. Poche parole, sufficienti a fotografare il calciomercato invernale effettuato dal club capitolino. Un mercato iniziato il 6 gennaio – giorno in cui è stato ufficializzato l’acquisto del difensore serbo – e concluso nella stessa giornata, poiché la restante parte del mese è stata caratterizzata da voci, indiscrezioni, notizie che non hanno trovato mai conferma. La lista dei presunti obiettivi sarebbe davvero troppo lunga da riproporre, lunga quanto sterile, ma il nome di Cabral – ultimo in ordine temporale, accostato per settimane – basta per comprendere le intenzioni del duo Lotito-Tare, proiettati alla cessione dei giocatori in esubero. Questa, infatti, la prerogativa indispensabile a operare in entrata. E così si arriva a Onazi-Morrison-Braafheid (ancora prima a Gentiletti), il trio dei partenti, il trio di giocatori da piazzare perché ormai ai margini della rosa. Ma dei tre, nessuno ha trovato una nuova destinazione: gli interessamenti provenienti dalla Germania, dall’Inghilterra e – l’asse si rinnova – dai granata di Salerno sono caduti nel vuoto. In un buco nero, per meglio dire, nel quale con tutta probabilità continuerà la loro avventura laziale. Ma quando tutto sembrava avviarsi silenziosamente verso la fine, arrivava un’inaspettata novità, che non riguarda tuttavia la stagione in corso: il portiere del Rijeka (e della nazionale croata) Ivan Vargic – classe 1987 per 192 cm di altezza – approda nella Roma biancazzurra. Nelle poche ore a disposizione, la dirigenza tenta di tesserare subito l’estremo difensore – le visite mediche sono state già effettuate – salvo poi virare per giugno, mese che segnerà di fatto l’inizio della nuova avventura del calciatore. Gli ultimi minuti scorrono via rapidamente, scoccano le ore 23, sul mercato cala il sipario. E da domani si torna a pensare al campo, dove i problemi non sembrano affatto mancare.

Laura Massa

Follow LAZIALITA on Social



Vuoi seguire la Lazio in ritiro ad Auronzo di Cadore?

Scopri adesso le offerte riservate ai lettori di Lazialità