Sfogliabile Lazialità

 

Parolo: "Darò il massimo per la Lazio, vogliamo riportare i tifosi allo stadio" - VIDEO

Parolo: FORMELLO - Dopo De Vrij, ecco Parolo. Il centrocampista ex Parma, dopo il viaggio-lampo a Roma per firmare il contratto che lo [continua...]

Chiude il negozio di Via Farini, la città perde un angolo di storia biancoceleste

Chiude il negozio di Via Farini, la città perde un angolo di storia biancocelesteNon esistono laziali che non lo conoscano. Forse non esistono laziali che non vi si siano recati - almeno una volta - per una [continua...]

Lotito: " De Vrij voleva la Lazio. Rinforzeremo ancora la difesa. Parolo? Valore aggiunto" - VIDEO

Lotito: FORMELLO - Dai comunicati alla conferenza stampa. Claudio Lotito torna a parlare, lo fa in occasione della presentazione di due [continua...]

LAZIALITA' di Luglio-Agosto "ANNO ZERO": da Martedì 8 Luglio in tutte le edicole di Roma – SFOGLIA L'ANTEPRIMA.

ESCLUSIVA “Quelli che” – Gino Di Vaio: “Marco sarà dirigente del Bologna, mentre Nesta…”

Ieri, ospite di “Quelli che hanno portato il calcio a Roma” sui 98.100 di Radio Sei, Gino Di Vaio, papà di Marco, ha svelato alcune curiosità legate al figlio, oggi bomber del Montreal Impact: “Il suo contratto a Montreal scadrà ad ottobre, c’è un’opzione per la prossima stagione, ma Marco tornerà in Italia perché il Bologna ha già portato in Lega il pre contratto da dirigente”. Nel 2007 Marco fu molto vicino alla Lazio, papà Gino racconta: “Sabatini lo chiamò, dicendogli che Delio Rossi lo voleva a tutti i costi. Marco a Genova (con il Genoa, ndr) guadagnava circa 2,5 milioni, ma pur di tornare alla Lazio per cinque anni sarebbe stato disposto a dimezzare il suo ingaggio. Lotito, però, disse che l’affare non rientrava nella morale della società, che offriva al massimo 600.000 euro ai propri giocatori. A quel tempo Marco aveva 31 anni”. Marco Di Vaio, ma anche Alessandro Nesta: due pezzi di storia laziale. Nati e cresciuti nel vivaio biancoceleste, oggi i due campioni si sono ritrovati in Canada per condividere insieme una nuova avventura, forse proprio l’ultima da calciatori. Sul capitano del secondo scudetto, Gino rivela: “Alessandro non tornerà al Milan, ma neanche in Italia. Chiuderà la sua carriera al Montreal e probabilmente resterà a vivere a Miami, dove ha un appartamento”.

 

 

S.M.

 

 

 

Copyright © 2014 Lazialità

Structure Tema