EmmePiù

 

Perea: "Felice di essere tornato! Voglio dimostrare quanto valgo, Pioli mi aiuterà"

Perea: Il ritorno del Coco. Dopo l'esperienza al Perugia, tutt'altro che esaltante (16 presenze e una sola rete per lui), Brayan Perea [continua...]

Il dott.Bianchini: "Mauricio ok per Cesena, ecco i tempi di recupero degli altri infortunati"

Il dott.Bianchini: ROMA - Consueto punto infermeria in casa Lazio, sono purtroppo ancora numerosi i calciatori alle prese con i rispettivi infortuni. [continua...]

ESCLUSIVA - Bergessio, si tratta: nessun rifiuto, ma il giocatore chiede garanzie

ESCLUSIVA - Bergessio, si tratta: nessun rifiuto, ma il giocatore chiede garanzieROMA - Mancano ormai pochi giorni alla chiusura della sessione di mercato invernale, in casa Lazio continua a tenere banco la [continua...]

Annuario Lazialità 2014-15: in tutte le edicole di Roma e provincia! SFOGLIA SUBITO AD € 1,90.

ESCLUSIVA “Quelli che” – Gino Di Vaio: “Marco sarà dirigente del Bologna, mentre Nesta…”

Ieri, ospite di “Quelli che hanno portato il calcio a Roma” sui 98.100 di Radio Sei, Gino Di Vaio, papà di Marco, ha svelato alcune curiosità legate al figlio, oggi bomber del Montreal Impact: “Il suo contratto a Montreal scadrà ad ottobre, c’è un’opzione per la prossima stagione, ma Marco tornerà in Italia perché il Bologna ha già portato in Lega il pre contratto da dirigente”. Nel 2007 Marco fu molto vicino alla Lazio, papà Gino racconta: “Sabatini lo chiamò, dicendogli che Delio Rossi lo voleva a tutti i costi. Marco a Genova (con il Genoa, ndr) guadagnava circa 2,5 milioni, ma pur di tornare alla Lazio per cinque anni sarebbe stato disposto a dimezzare il suo ingaggio. Lotito, però, disse che l’affare non rientrava nella morale della società, che offriva al massimo 600.000 euro ai propri giocatori. A quel tempo Marco aveva 31 anni”. Marco Di Vaio, ma anche Alessandro Nesta: due pezzi di storia laziale. Nati e cresciuti nel vivaio biancoceleste, oggi i due campioni si sono ritrovati in Canada per condividere insieme una nuova avventura, forse proprio l’ultima da calciatori. Sul capitano del secondo scudetto, Gino rivela: “Alessandro non tornerà al Milan, ma neanche in Italia. Chiuderà la sua carriera al Montreal e probabilmente resterà a vivere a Miami, dove ha un appartamento”.

 

 

S.M.